News Primo piano

Non tutte le focacce vengono col buco

Written by gian luigi staffa

 So bene che il modo di dire è un altro, ma oggi voglio parlare di focacce, di focacce con il buco.
Il mio lavoro è creare sinergie e, mai come in questo periodo, sono  felice  per l’attenzione che i ristoratori dedicano all’olio extravergine. L’idea che l’olio debba essere assolutamente un guadagno deve radicarsi nella ristorazione e deliziare i nostri palati, in questo le pizzerie possono avere un importantissimo ruolo da protagonista.

Un prodotto così prezioso non può essere maltrattato o sottovalutato, dobbiamo tutti raccogliere i frutti di questo comparto cosi importante. Una delle ultime collaborazioni mi ha stimolato molto e i risultati sono evidenti. Piccolo Buco al centro di Roma, una piccola pizzeria che si sta facendo conoscere per le sue scelte di qualità.  Luca Issa, il titolare, non fa niente a caso, approfondisce, studia, cerca e, alla fine, ci siamo trovati. Palati fini, pieni di curiosità e voglia di fare, ci stimoliamo a vicenda, lui ha subito colto le sottigliezze e i trucchi per capire un olio extravergine e dopo alcuni incontri di consapevolizzazione sull’olio ha fatto consapevolmente le sue scelte, come è giusto che sia, io sono un suggeritore, a volte un po’ provocatore, ma soltanto una guida, la destinazione la deve scegliere il ristoratore. Credo che pane e olio siano tra le cose più autentiche e genuine che ci siano e quindi in una pizzeria di qualsiasi livello non deve mai mancare una focaccia con olio extravergine.

Perché non iniziare la serata con una focaccia con olio  condivisa tra tutti i commensali per stimolare l’appetito ?

E quindi la nostra creazione: la “focaccia col buco” della pizzeria Piccolo Buco

0Shares

About the author

gian luigi staffa

Leave a Comment